Vi prego lasciate un commento

Cari lettori, lasciate un vostro commento, bello o brutto, ma mi fate capire che quello che sto scrivendo interessa a qualcuno

venerdì 17 agosto 2012

Io dipendente presso un ristorante


Ciao a tutti,
eccovi un regalo un post non mio, ma di mia moglie che vi racconta..

Ok, da dove si comincia a scrivere un post? Non ne ho la più pallida idea, ma per accontentare il maritino questo e altro, soprattutto dopo un mese e mezzo quasi di ferie in Italia!!!!!
Forse è opportuno iniziare con il presentarmi: sono Emanuela, la moglie di Stefano e scrivo per raccontarvi la mia esperienza come dipendente, su richiesta di alcuni di voi, stufi, a mio parere, giustamente, di sentir parlare solo di grandi imprenditori e grandi investimenti.
Io in questo periodo lavoro come cameriera presso un grande ristorante nella zona turistica di Panamá di proprietà di uno molti  italo - panamensi, ovvero quelli nati a Panama da genitori italiani. Mi trovo molto bene e come dico ormai, sempre più spesso mi sembra di lavorare alle Poste Italiane quando erano ancora di proprietà dello Stato,  minimo sforzo, minimo contributo professionale, ma tanto divertimento ….. barzellette, battutine, tante chiacchiere e quando si può anche un po’ di ballo non guasta. Certo, adesso rileggendo mi rendo conto che detto così sembra proprio che non si faccia nulla dalla mattina alla sera, ma in realtà non è così. Il fatto è che si lavora, però senza quel carico di tensione e stress che ben conosciamo noi italiani. Ognuno ha i suoi compiti, che solitamente non sono mai esageratamente gravosi e ad ogni modo  si possono svolgerli con tutta la tranquillità del mondo, però se il ristorante si riempie  c’è da correre e vi assicuro che vanno come treni. Non tanto per professionalità, ma quanto perché ogni tavolo in più che si serve sono mance in più che si accumulano. Quindi, non è assolutamente vero, come dicono molti geni d’imprenditori italiani, che i panamensi o li paghi, tanto o li paghi poco valgono sempre niente, sono scuse belle e buone. I panamensi se sono correttamente retribuiti e incentivati lavorano discretamente, non si può paragonare ad un lavoratore italiano, ma bisogna capire che questa è un’altra cultura e se fossero così stressati e fissati con il lavoro come noi, allora uno perché mai dovrebbe venire a Panama a cambiare vita.
Il fatto di essere straniera, personalmente, non è stata un grande ostacolo, ma penso sia anche dovuto al fatto che io non ho mai cercato favoritismi e non mi sono mai sottratta a nessun tipo di lavoro, quale spostare tavoli e sedie da qua a là o scopare per terra o qualsiasi altra cosa. Certo, se come molti connazionali, si arriva qua con la presunzione di dire  sono italiano, allora devo subito fare il capo, allora le cose non funzionano proprio bene. Nel mio caso, proprio ieri sera, ho avuto la notizia che da fine Settembre andrò a gestire insieme ad un altro italiano una nuova pizzeria che la stessa catena sta aprendo, ma questo è arrivato solo dopo aver dimostrato di non aver paura di sporcarmi le mani ed aver anche dimostrato in questo tempo che comunque un italiano ha un’altra professionalità.
Sembra tutto bello fin qui, ma vi è un lato dolente, ovviamente: io fino adesso e fino a fine Settembre percepisco uno stipendio di $ 450.00 al mese, più le mance che sono quelle che mi salvano. Quindi capisco bene che non è facile per un italiano venire a vivere a Panama per guadagnare 450 dollari al mese, però se mi posso permettere a qualcuno potrei anche consigliare di considerarlo come un investimento, poiché molti vengono e si buttano nella attività più disparate senza avere un’idea di come funzionano qui le cose, quindi un periodo come dipendente nel settore di interesse è senz’altro un ottimo investimento.
Infine, vorrei terminare dicendo che prima di lavorare dove lavoro adesso ho lavorato per due italiani e per un americano e vi assicuro che preferisco molto lavorare per un panamense, però questa è un’altra storia e magari ci sarà un’altra puntata, poiché questo per essere un primo post mi sembra già bello prolisso, come mi scriveva sempre la mia professoressa di italiano quando consegnavo i temi.
Salutoni a tutti,
Emanuela

4 commenti:

  1. Ciaooo sono molto contento che finalmente avete postato perche cominciavamo a preoccuparci :) Dopo questo bellissimo post vorrei solo chiederti di chiarire il punto piu importante della questione. Ma è semplice per un italiano che vuole iniziare proprio in questo modo la sua avventura a panama trovare un posto di lavoro come cameriere o altro nel settore alimentare ? Grazie Filippo
    P.S avete avuto altri problemi con furti?

    RispondiElimina
  2. Ciao,
    nessun problema di furto e qui la situazione e' tornata ala normalità.
    Diciamo che non e' facilissimo per uno straniero, ma sicuramente non impossibile, dipende sempre da tanti fattori: il primo se il datore di lavoro ha voglia di rischiare con prenderti in nero, poi se vuole assumerti se e´disposto a fare la richiesta per il tuo permesso di lavoro. Non voglio dare speranze che poi potrebbero non avverarsi.
    un saluto
    stefano

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefano ed Emanuela!
    Grazie dell'eccellente post: anche io cominciavo ad essere un po' preoccupato nel non vedervi piu' online...

    So di essere off topic e mi scuso per questo, ma non so dove postare...
    Sto guardando i prezzi nella zona dove vivete e mi sembrano molto interessanti.
    Come vi trovate li'? Delinquenza, rumore, qualita' e disponibilita' dei servizi, eventuali disservizi, ecc...?
    Grazie e ogni bene!

    RispondiElimina
  4. Emanuela a quando la nuova puntata?;*
    un' abbraccioooooooo

    RispondiElimina